Come sbloccare velocemente iPhone indossando la mascherina

Di questi tempi, portare una mascherina è quasi un obbligo per molti ambienti. Peccato che nel frattempo, la tecnologia ha preso passi in una direzione ben differente. Ad esempio, uno dei metodi più popolari per sbloccare il proprio iPhone è attraverso il Face ID. Peccato che questo sistema ha bisogno di rilevare il volto dell’utente – naso e bocca compresi – per poter funzionare. Altrimenti, lo sblocco fallisce.

Come possiamo rimediare a questo problema, se ci troviamo sempre fuori e dobbiamo perciò portare la mascherina?

Come sbloccare iPhone con la mascherina?

Ecco qualche soluzione che possiamo attuare…

  1. Impostate un aspetto alternativo

L’aspetto alternativo è una funzione designata nel caso dobbiamo, ad esempio, coprire parte del nostro volto con qualcosa tipo degli occhiali o della schiuma da barba. Insomma, è una funzione fatta appositamente per far continuare a far funzionare il Face ID anche se vi sono alcuni parziali ostacoli. Su questo vogliamo mettere molta enfasi sul termine “parziali ostacoli”. Difatti, non è garantito che il Face ID funzioni comunque sotto la scansione della maschera. Ma un tentativo non può comunque guastare.

Andate nelle impostazioni e procedete per Face ID. Entrate sotto la sezione Codice e passate per Configura aspetto alternativo. Effettuate il riconoscimento facciale come sempre.

  1. Utilizzate la vostra Password (o PIN) quando non siete sicuri

Il Face ID ha un riconoscimento che va in Time-Out dopo qualche secondo. Se non volete aspettare, basta premere velocemente il dito sulla scritta “Face ID” nel centro dello schermo per passare direttamente all’inserimento del PIN. Altrimenti, tutto quello che dovete fare è aspettare: eventualmente il riconoscimento Face ID fallirà e vi sarà chiesto d’immettere il PIN lo stesso. Questo metodo è per fare in modo d’inserirlo più velocemente se ormai vi siete rassegnati che il Face ID non funzionerà mai.

  1. Portate il blocco schermo ad un tempo più elevato

L’iPhone va per bloccarsi ogni volta che lo schermo viene spento. Se proprio vi da fastidio tirare giù la maschera ogni volta che parte il Face ID, un buon consiglio è aumentare il tempo che lo Smartphone impiegata per spegnere e sbloccare lo schermo. Naturalmente, questo comparta un consumo maggiore d’energia e la possibilità di effettuare tocchi accidentali è ben presente. Ma in base all’uso che ne fate, forse è anche una buona cosa allungare l’attivazione del blocco.

Andate nelle impostazioni, quindi sotto Schermo / Display. All’interno sarà disponibile l’opzione per il blocco automatico. Impostatene uno più lungo (nel caso potete proprio impostare di non dover mai spegnere lo schermo finché non lo decidete voi).

  1. Aggiornate il vostro iPhone ad iOS 13.5

L’Apple ha dei recente rilasciato un aggiornamento che integra in iOS 13.5 la possibilità di rilevare una maschera e di “stringere” così il riconoscimento al solo resto del volto scoperto. Quindi se il vostro iPhone può essere aggiornato all’ultima revisione di iOS 13.5, questo è il momento migliore per dare una bella rinfrescata al vostro Smartphone.

Come funziona il rilevamento della maschera? E’ in realtà una cosa completamente silenziosa. Una funzione integrata che non dovete nemmeno abilitare voi. Il nuovo rilevamento facciale è quasi fatto per ovviare un paio d’operazioni, fra le quali anche rendere la richiesta del PIN più rapida: non è perciò un update fatto principalmente per adattare il Face ID al nostro volto coperto, vi sono comunque dei limiti che non possono essere superati.

Il Face ID è relativo anche al mio modello di iPhone e la sua fotocamera?

Chiaramente, più è vecchio il vostro iPhone, più questo avrà difficoltà nel rilevare un volto celato dietro una maschera. Giustamente però, questo problema capita anche ai cellulari d’ultima generazione. Dover correre all’acquisto d’un iPhone 11 Pro giusto perché il Face ID funziona sensibilmente meglio non è perciò una soluzione adeguata: anche questo modello può aver problemi.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *