Come funziona il Traduttore lingue integrato dell’iPhone (iOS 14)

Per lungo tempo, effettuare delle traduzioni sul nostro iPhone richiedeva mezzi un po’ più elaborati del solito. Bisognava scaricare qualche App di terze parti (a volte con pacchetti per la traduzione offline a pagamento) ma per opzione popolare, era sempre possibile procurarsi Google Traduttore – anche nella sua versione Web – per effettuare qualsiasi lavoro di traduzione urgente.
Ma con l’arrivo di iOS 14, l’Apple ha finalmente incluso un traduttore tuto suo, il che significa che gli utenti possono fare immediatamente uso di qualsiasi cosa da tradurre in maniera immediata (anche magari tramite Siri).

Vediamo perciò come funziona il traduttore dell’Apple e quali sono alcune delle sue interessanti funzioni.

Per prima cosa, tutto quello che dovete fare è aprire il programma. Potete fare ciò cercandolo nella lista delle Apps installate o cercandolo con Spotlight, cercando appunto “Traduttore” o “Traduci”. L’interfaccia è generalmente molto semplice, coì da farci immediatamente accedere alle funzioni principali del traduttore.

Esistono però varie modalità l’uso. Ad esempio, potete dettare al programma cosa intendete tradurre. Tenendo premuto il dito sull’icona del Microfono, potete far pronunciare alla persona ciò che va tradotto. Nella sua modalità normale, potete inserire un qualsiasi tipo di testo per iniziare la traduzione. In alto è presente il tipo di traduzione (Da inglese ad italiano, ad esempio) che potete cambiare quando preferite, l’importante è che il traduttore sia già nella sua modalità di traduzione attiva (cosa presente in basso).

Se avete intenzione di cambiare la lingua fonte (dal quale bisogna iniziare la traduzione) o la lingua che deve riportare il risultato finale, basta premere sulla barra che riporta una delle due lingue e cambiarle a piacimento. Sotto quest’aspetto, il traduttore dell’Apple comunica con dei server esterni per mantenersi aggiornato sulla precisione di traduzione a tutte le ore.

Fra le funzioni interessanti che possiamo notare nelle traduzioni, vi è la possibilità d’inserire la traduzione nei preferiti. Questo significa che se una traduzione è particolarmente importante per noi, possiamo inserirla nei preferiti così da leggerla di nuovo, o usarla per parlare con qualcuno con la nostra frase o testo ormai tradotto. Insieme a quest’icona dei preferiti (la stella) è presente anche l’icona d’un libro. Premendo sul libro, abiliteremo la modalità dizionario. Questa modalità permette di sentire la pronuncia individuale di tutte le parole, così come la sua traduzione diretta. Ogni parola inoltre verrà riportata con tutta la sua definizione, e ciò che significa in particolare.

Ma, l’Apple ha attualmente detto che questo programma è molto legato alla Privacy. Perché deve comunicare con l’esterno? Attualmente, anche se le nostre traduzioni non vengono salvate, è possibile comunque scaricare le lingue così da usarle in un ambiente Offline.

Per prima cosa, bisogna abilitare la modalità esclusiva (per non far connettere il programma alla rete). Entrate nelle impostazioni di iOS, e fra le opzioni disponibili troverete quella relativa alle traduzioni. Potete sia disabilitare la connessione ad Internet che anche abilitare la modalità che obbligherà l’App a dare la priorità alle lingue salvate in memoria. A quel punto, iOS vi chiederà di aprire l’App così da scaricare le lingue di cui avete bisogno. Confermate.

Una volta aperto il traduttore, premete sulle lingue. Nella lista che comparirà sarà presente una sezione che riguarda i linguaggi che possono essere salvati a parte. Premete sull’icona della freccia per iniziare il download. Tutte le traduzioni effettuate da quel punto in poi non verranno mai trasmesse all’esterno, fatta eccezione magari di lingue non aggiornate (il programma comunque se ne occupa automaticamente o ve ne notificherà quando necessario).

Google ha finalmente trovato un ottimo avversario nelle traduzioni da effettuare al volo. Manca ancora una funzione con il quale è possibile tradurre le immagini, ma almeno per il momento si può dire l’Apple ha sempre un ottimo occhio di riguardo per quel che riguarda la Privacy.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *